Da piccola detestavo il baccalà. Non che adesso mi faccia impazzire, ma varcata una certa età, si diventa più tolleranti, meno schizzinosi. Quantomeno sul cibo. Il baccalà era un mio cibo-trauma. Non l’avrei mangiato neppure sotto tortura. Ma il baccalà era, ed è ancora, uno dei piatti tipici delle feste invernali della mia città d’origine.

Capitava spesso che mi imbattessi nel baccalà durante le vacanze di Natale. Il nonno mi portava con sé a comprarlo, suscitando le mie smorfie peggiori. Non c’è vigilia di Natale o Capodanno in cui la nonna non serva a tavola un vassoio colmo di baccalà fritto. “È tradizione, porta bene, fa bene!” dice.

Ma tutte le tradizioni, prima o poi, sono soggette a rivoluzione. Durante il pranzo di Natale di qualche anno fa toccò a mia madre preparare il baccalà. L’aspetto era diverso, servito in polpettine piccole, e dal buon odore, e il gusto? Erano deliziose!!! La nonna storceva il naso, ma per il mio palato era un trionfo!

Di cosa si tratta? Pastelline di baccalà alla birra. Tornata a casa per le vacanze di Natale, non ho saputo resistere, ho chiesto la ricetta alla mia mamma, che da sempre usa la birra in cucina. Per sfumare gli arrosti, per “alleggerire” la pastella e per marinare il pesce. Ho pensato di dedicare a lei il mio ultimo post dell’anno e a voi, cari amici di Birragustonaturale, regalandovi una ricetta “segreta” di famiglia, che piacerà anche ai più piccoli. Provare per credere.

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr di filetti di baccalà
  • ½ bicchiere di birra chiara, più quella necessaria alla marinatura
  • 1 uovo
  • 6 cucchiai di farina
  • ½ panetto di lievito di birra
  • 2 cucchiai di grana
  • 1 cucchiaio di pecorino
  • 1 cucchiaio di rosmarino
  • 4 foglie di alloro
  • 2 fette di limone
  • Olio di semi per la frittura
  • Sale qb

Preparazione

Lasciate marinare il pesce in una ciotola con le foglie di alloro, le fette di limone e la birra per almeno due ore. Intanto in un recipiente ampio setacciate la farina, e aggiungete il lievito sciolto in mezzo bicchiere d’acqua, il sale, i formaggi grattugiati e le uova, quindi il baccalà strizzato, dopo la marinatura. Incorporate lentamente la birra versandola a filo e mescolando con un cucchiaio di legno fino a ottenere una pastella liscia e priva di grumi. Lasciate riposare l’impasto per due ore. Una volta che l’impasto sarà lievitato, fate scaldare l’olio in una padella antiaderente. Quando l’olio sarà abbastanza caldo, versate il composto a cucchiaiate in modo da formare delle frittelline. Friggetene poche per volta finché saranno ben dorate, rigirandole con due forchette a metà cottura. Fate scolate le pastelline in un vassoio ricoperto di carta assorbente. Servite.

Segnala e condividi:
  • Facebook
  • TwitThis
  • LinkedIn
  • MySpace
  • del.icio.us
  • Technorati
  • Digg
  • Google
  • Print this article!
Scrivi un Commento

E' necessario connettersi per scrivere un commento. Collegati